Where are our childrens gone?


DOVE SONO ANDATI I NOSTRI FIGLI?



Camminando per un parco pubblico, ho avuto modo di riflettere su quanto questi ormai siano vuoti. Da bambino mi sembrava che il mondo fosse pieno sopratutto di esseri umani alti meno di un metro e trenta, eravamo dappertutto, giocavamo ovunque, sentivi le urla dei giochi da quartieri di distanza…

Non so ora se il problema siano le console, anche se esistevano anche ai nostri tempi, o se siano i genitori che in questo mondo impazzito non si fidano più a lasciar uscire i propri figli liberamente come ce lo permettevano i nostri.

Non so nemmeno se è colpa dei grandi impegni che i bambini di oggi devono affrontare, tra palestra, scuola, scuole di musica, canto, recitazione, e chissà che altro.

Quello che so è che i parchi sono spesso vuoti, che non si vedono più i campi di calcio improvvisati in mezzo alla strada, con le porte fatte con gli zaini appoggiati sul terreno, pronti a spostarsi non appena appariva un’auto all’orizzonte.

Ed è triste, amici miei, è veramente triste.

Buy work

Advertisements